Capitolo

5

L'età dell'umanesimo

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Masuccio Salernitano

(nota al capitolo 5, paragrafo 2)

Scarse e non sempre sicure sono le notizie sulla vita di MASUCCIO SALERNITANO (Tommaso Guardati): nato a Salerno (secondo alcuni a Sorrento), visse a Napoli — dove fu apprezzato da Ferdinando I d'Aragona e strinse amicizia col Pontano — e poi nella sua città natale come segretario del principe Roberto Sanseverino. Sembra che non abbia compiuto regolari studi umanistici ma certo lesse i classici antichi e scrittori in volgare (particolarmente Boccaccio).
Nel Novellino — che fu iniziato probabilmente intorno al 1450 — le novelle, proposte come se i fatti narrati fossero realmente accaduti, sono ordinate secondo uno schema tradizionale che muove dalla condanna dei vizi umani (il clero corrotto, i gelosi, il «difettivo sesso femminile») per culminare nella rappresentazione della «magnificenza di principi e cortesie».

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)