Capitolo

15

Il Romanticismo e Alessandro Manzoni

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(senza note)
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)

15 - § 10

Giuseppe Mazzini e Vincenzo Gioberti


Molto aperto democraticamente fu il romanticismo di Giuseppe Mazzini1 (1805-72) genovese. Esso fu la base dell'azione del patriota e dell'esule. Mazzini ebbe grande influenza su singoli e su gruppi di uomini, notevole fu la sua capacità di penetrazione fra ideologi e politici dei quali cercò di assimilare gli elementi utili alla prospettiva per la quale egli lavorava. L'organizzazione della «Giovane Italia» (1831) oltrepassa le altre forme settarie cospirative e prefigura il moderno partito politico. Il romanticismo mazziniano è una democrazia religiosa laica imperniata sui doveri e sui sacrifici, sulla dedizione all'idea di una repubblica unitaria, punto ineliminabile del progresso che per Mazzini è una legge provvidenziale.
L'azione politica mazziniana ha come primi obiettivi la lotta contro lo straniero e contro i regimi assoluti riportati dalla Restaurazione, l'azione sociale non è classista ma interclassista, mira a coagulare intorno all'idea unitaria strati piccolo borghesi e artigiani.
Alla prospettiva unitaria restavano estranei la lotta di classe e il socialismo e anche nell'ambito della questione operaia prevalente restava l'interclassismo. Anche gli abitanti delle campagne non hanno alcun rilievo particolare nella concezione mazziniana del popolo. La religiosità non gli impedì di vedere nel papato il simbolo della reazione ma lo spinse a rifiutare il materialismo e a considerare la lotta di classe come lotta per il solo benessere materiale. Il misticismo democratico, inoltre, non gli fece oltrepassare la concezione astratta di popolo né quella di un interclassismo come armonia di ideali, di sentimenti: «la parola operaio —egli scrisse — non ha per noi alcuna indicazione di classe nel significato comunemente annesso al vocabolo». Sul piano letterario l'arte è per Mazzini mezzo di diffusione degli ideali umani e politici, messaggio, «sacerdozio d'educazione» civile, strumento di utilità, di pedagogia. Tensioni ideali e morali dell'opera letteraria costituiscono per Mazzini i motivi dominanti sicché la forma è nettamente subordinata a contenuti e tensioni. Lo sdegno di Alfieri, l'infiammato Ortis (di Foscolo Mazzini fu esaltatore e diffusore), Byron che destina ai lettori messaggi di ribellione si pongono per Mazzini per la loro religiosità laica ai vertici dell'arte. I temi critici di Mazzini furono, infatti, Dell'amor patrio di Dante, Della fatalità consideratici come elemento drammatico, Byron e Goethe, Saggio sopra alcune tendenze della letteratura europea nel secolo XIX, Del dramma storico etc., svolti spesso in forma enfatica e nebulosa. Grandissima fu l'influenza esercitata dai Doveri dell'uomo (1860).
Ma personalità e idee di Mazzini toccarono Mameli, Ruffini. Guerrazzi, Bini, Nievo, Carducci, il tema del dovere toccò anche i combattenti del medio ceto della prima guerra mondiale. Nell'Ottocento il prestigio del mazzinianesimo fu toccato dalla repressione degli ultimi moti rivoluzionari di Romagna che favorì successivamente lo svilupparsi di una corrente di opposizione moderata che ha in Gioberti il maggiore rappresentante.
La netta distinzione tra manzoniani e foscoliani in relazione all'ideologia e alla profondità e totalità del modo di sentire è di Mazzini. De Sanctis distinguerà le due tendenze in scuola liberale (cattolico-liberali, moderati) e scuola democratica (neoghibellini). Cattolico-liberale fu il torinese Vincenzo Gioberti2 (1801-52), vicino ai mazziniani in gioventù, esule a Parigi, deputato del parlamento subalpino, ministro di Casati, quindi primo ministro (1848-49).
I nuclei del pensiero giobertiano sono: tradizione medievale e cattolica, risorgimento come confederazione di sovrani italiani intorno al papa. Il progetto di Gioberti è quello di operare la sintesi tra chiesa e civiltà borghese-liberale recuperando in favore della scienza ciò che questa aveva perduto a causa del progresso scientifico e filosofico. Alla nuova civiltà scientifica dovuta alla «fellonia» di Lutero e alla «pretesa» di Cartesio di «introdurre la ricerca e quindi la libera elezione dei principi» Gioberti oppose la restaurazione dell'unità conciliando civiltà e religione, clero e laicato, aristocrazia e borghesia. Nel sistema giobertiano il momento positivo è quello del cattolicesimo poligonico, multilaterale, onnicomprensivo, mediatore delle parziali scoperte del pensiero profano. Lo Stato deve essere in mano dell'aristocrazia naturale, dei meritevoli, dei migliori, coloro che in maggior misura partecipano dell'Idea. Tale aristocrazia naturale è per Gioberti il clero cattolico, concilio di sapienti che guida la filosofia laica. La vera e sola religione che conserva la rivelazione divina è quella cristiana di cui è depositaria la chiesa cattolica il cui capo ha sede in Italia: perciò l'Italia in virtù di questo rapporto ha il primato della civiltà universale in tutte le attività umane (Il primato morale e civile degli Italiani, 1843). I motivi del primato sono secondo Gioberti: razziale (per la discendenza dal ceppo caucasico-pelasgico), filosofico (per la superiorità italiana fino a Vico), scientifico (per Archimede e Galileo), linguistico (per la derivazione dell'italiano dal latino) oltre che artistico, letterario etc.
Queste affermazioni non sono dimostrate, hanno genesi retorica e finalità teocratica. La posizione culturale di Gioberti è quella controriformistica del trionfo della chiesa e della guida del papa (che abbiamo incontrato in Campanella) ma lo scrittore prospettava anche un lieve ammodernamento della chiesa che consisteva soprattutto nel limitare il potere dei retrivi gesuiti (Il gesuita moderno, 1845). L'egemonia papalina (che fu vista per breve tempo con favore da Pio IX) lascia il posto nella mente di Gioberti a quella del piemontesismo savoiardo nel Rinnovamento d'Italia (1851). Queste posizioni di Gioberti, malcerte e ambigue, hanno i caratteri del moderatismo conservatore che lotta gli aspetti reazionari dei gesuiti dell'Ottocento ma si richiama alla pratica della negazione della cultura moderna. Inoltre le tesi del primato, delle conciliazioni, tesi retoriche e letterarie, sono espresse in una prosa di classicheggiante e pesante magnificenza in cui lo stile è espressione più di tatticismo che di vigore mentale. Le tesi di Gioberti furono fatte proprie dal torinese Cesare Balbo (1789-1853) autore di Le speranze d'Italia (1843) in cui il Piemonte è visto come la forza politica fondamentale d'Italia e si propugna l'espansione in Oriente di un'Austria allontanata dai territori italiani. Ma i motivi nazionalistici del pensiero di Gioberti avranno il loro peso anche nell'attività speculativa e culturale di Giovanni Gentile.

<-- Al paragrafo precedenteVedi elenco dei paragrafiAl paragrafo successivo -->
Versione stampabile di questo paragrafo
(senza note)
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)