Capitolo

6

Il Rinascimento

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Anton Francesco Grazzini

(nota al capitolo 6, paragrafo 2)

Temperamento estroso e risentito, speziale e letterato, ANTON FRANCESCO GRAZZINI fu nel 1540 fra i fondatori dell'Accademia degli Umidi e cercò di opporsi alla trasformazione di essa in Accademia fiorentina, voluta dal granduca Cosimo.
Insofferente alla nuova disciplina, fu espulso dal sodalizio nel 1547 e poté rientrarvi solo venti anni dopo, per interessamento di Leonardo Salviati. Legato all'ambiente culturale fiorentino e ammiratore di Boccaccio, il Lasca — che fu anche fra i fondatori dell'Accademia della Crusca — scrisse con gusto realistico e vivacità di estro.
Tra le opere ricordiamo, oltre alle rime, una raccolta di novelle (le Cene) e sette commedie, in cui la prolissità e l'intreccio spesso faticoso sono ravvivati dalla felicità rappresentativa di tipi e ambienti e dalla freschezza del linguaggio.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)