Capitolo

6

Il Rinascimento

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Antonio Cammelli

(nota al capitolo 6, paragrafo 2)

Scarse e non sempre sicure sono le notizie sulla vita di ANTONIO CAMMELLI detto il Pistoia: lasciata la Toscana poco prima del 1480, peregrinò di corte in corte alla ricerca di una sistemazione (fu a Correggio, a Ferrara, a Mantova, forse a Roma e Milano), ma rimase sempre in condizioni precarie. Per due volte, nel 1485 e nel '99, ottenne dal duca d'Este il capitanato di una porta di Reggio, ma per motivi non chiari gli incarichi gli furono subito revocati.
La maggior parte dei suoi componimenti è stata portata alla luce solo fra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, grazie soprattutto alle ricerche di Rodolfo Renier ed Erasmo Pércopo.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)