Capitolo

21

Dalla Resistenza ai nostri giorni

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Ignazio Silone

(nota al capitolo 21, paragrafo 2)

Precoce è l'interesse di IGNAZIO SILONE — che nel terremoto della Marsica del 1915 perdette i genitori e cinque fratelli — per i problemi politici e sociali.
Iscritto sin dalla prima giovinezza al Partito socialista, nel 1921 partecipa alla fondazione del Partito comunista italiano e svolge una intensa attività clandestina, collaborando a giornali e compiendo missioni all'estero. Costretto ad espatriare nel 1928 per il suo antifascismo, nel '30 si stabilisce in Svizzera, dove rimane fino al 1945 e inizia l'attività letteraria. Rientrato in Italia dopo la liberazione, è direttore dell'«Avanti» e deputato socialista all'Assemblea costituente, facendosi sostenitore dell'idea federalista europea.
Fra i suoi romanzi (il «caso Silone» è esploso in Italia solo nel dopoguerra) abbiamo Una manciata di more (1952), Il segreto di Luca (1956), La volpe e le camelie (1960).

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)