Capitolo

13

L'Illuminismo: metodo scientifico e letteratura

Puoi sostenere il FONDO ANTONIO PIROMALLI onlus
e questo sito mediante il
CINQUE x MILLE:
Nel Modello UNICO, o nel 730, o nel CUD, puoi
METTERE LA TUA FIRMA nel riquadro dove c'è scritto
"Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale",
e SCRIVERE il codice fiscale
97529520583

Ricerca


Elenca le ricorrenze per paragrafo della parola ricercata
Elenca tutte le ricorrenze della parola ricercata


Note a questo paragrafo:





più grande normale più piccolo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)


Giuseppe Maria Galanti

(nota al capitolo 13, paragrafo 2)

Destinato alla professione legale e trasferitosi, come tanti altri giovani provinciali, dalla regione natia a Napoli, GIUSEPPE MARIA GALANTI si entusiasmò per le scienze economiche sotto la guida di quel Genovesi che esaltò nell'Elogio storico (1772) e al cui indirizzo rimase fedele per tutta la vita.
Maestro e amico di Vincenzo Cuoco, esperto ed entusiasta degli illuministi francesi (soprattutto Voltaire), progettò un'edizione — osteggiata dalle autorità — delle opere di Machiavelli (fu pubblicato solo l'Elogio di N. Machiavelli, 1779) e si interessò di problemi letterari, rivelando aperture di gusto preromantico.
Impronta rilevante ha lasciato nel campo delle indagini sulle condizioni del Meridione con opere quali la Descrizione dello stato antico ed attuale del Contado di Molise (1781), la Nuova descrizione storica e geografica d'Italia (1782) e la Nuova descrizione storica e geografica delle Sicilie (1787-1790); la seconda edizione, arrivata al secondo volume, fu interrotta per intralci burocratici.

Torna al testo del paragrafo
Versione stampabile di questo paragrafo
(completa di note)